pubblicazioni realizzate  dal laboratorio


 Mara Pellegrino, Dimma Spaggiari, Rina Spagni

 

DONNE NELLA MODA

 

Protagoniste reggiane del fashion system

(Prefazione di Romano Prodi)

 

Diabasis

Reggio Emilia 2002

 

 

 

 

Una prefazione di Romano Prodi introduce una esplorazione della creatività femminile che attraverso dodici vivaci interviste a donne imprenditrici di grande fascino illustra il ruolo femminile nell’industria dell’abbigliamento dell’ultimo cinquantennio che tanta importanza ha per l’economia di Reggio Emilia

 

Ne risulta un quadro variegato, ma sempre caratterizzato da figure di donne con forte personalità, emancipate e libere, che hanno saputo realizzare con convinzione le loro scelte: dalla sarta che fa l’abito su misura, alla creativa che con la sua fantasia veste la quotidianità, all’artigiana che con le sue competenze garantisce la qualità del prodotto, all’imprenditrice di successo internazionale che porta il “Marchio Reggio” in giro per il mondo.

 

Nei racconti di queste donne il mondo della moda, abitualmente presentato dai mass media come il regno luccicante di grandi sarti stilisti e di splendide top model, emerge nella sua dimensione più vera di impegno concreto, di quotidiana fatica, ma anche come un’occasione per realizzare ed esprimere aspirazioni e attitudini individuali. 

 

Si raccontano, tra le altre, Mariella Burani, che vuole una donna  “in cammino, una donna che piange e ride…una donna forte che sa urlare i suoi sentimenti”, Ludovica Maramotti, del marchio MaxMara, che esprime  “la cultura dell’eccellenza, propria dell’Emilia”, e ancora Deanna Ferretti, che ha aiutato tanti stilisti di successo a “realizzare i loro sogni”. 

 

Il libro è dedicato ai lettori interessati alle storie di vita, agli amanti del buon gusto e della moda, alle donne imprenditrici in cerca di spunti che le aiutino a crescere professionalmente, ai cultori di storia locale e di storia del costume. Soprattutto può costituire uno stimolo di riflessione per i giovani: infatti negli anni della formazione è necessario confrontarsi con esempi di realizzazione personale e professionale che traggano forza dall’antica cultura del lavoro propria della nostra terra. 

 

 


   

Le Autrici del libro

   
         

Mara Pellegrino, Nata a Reggio Emilia nel 1947, laureata in Lingua e letteratura italiana all'Università di Parma è stata insegnante nella scuola media statale e, per più di un decennio, preside. Oltre che ai problemi scolastici, si è occupata di temi femminili su riviste nazionali e provinciali

 

Dimma Spaggiari, nata a Reggio Emilia nel 1944, laureata in Lingua e letteratura italiana all'Università di Bologna, ha insegnato nella scuola media superiore, in particolare all'Istituto Tecnico Sperimentale B. Pascal di cui ha scritto la storia. Da sempre interessata alle tematiche femminili, ha lavorato in associazioni di volontariato sia assistenziali che culturali. E' autrice della biografia Lelio Lorenzani. Un pittore un paese (Edizioni Bertani 2003)

 

Rina Spagni, nata a Reggio Emilia nel 1948, laureata in Lingua e letteratura italiana all'Università di Bologna, ha insegnato per oltre 10 anni nei corsi di scuola media statale per lavoratori studenti e poi nella scuola media superiore. In ambito sindacale e su riviste e quotidiani locali si è occupata di argomenti sociali e di educazione permanente. E' autrice del racconto In lista per vivere in Emozioni e sentimenti nel lavoro educativo e sociale (Guerini studio, 2003)

Delle stesse autrici: Tra storia e memoria. La costruzione del welfare reggiano nel raccondo delle donne  (Aliberti  2004)





  Indice

 

 

 

Prefazione,  Romano Prodi

Nota introduttiva, Carlo Baldi

Il laboratorio di studi linguistici e multimediali Gabrina degli Albeti,  G. Elisa Bussi

Giustificazione della ricerca

Come ci vestivamo

Il made in Italy ha fatto tappa a Reggio Emilia

I distretti industriali, scheda

La lavorazione del "trucciolo", scheda

 

Interviste a donne protagoniste nella moda e nell'abbigliamento a Reggio Emilia

  • Ho vestito Iva Zanicchi per Sanremo, intervista a Maria Ines Costi

  • Un lavoro fatto come Dio comanda, intervista a Mariarosa Badari

  • Il mio caro dottor Maramotti, intervista a Antonia Montanini

  • C'era una volta un distributore di benzina in via Adua, intervista a Deanna Ferretti Veroni

  • Io Moschino, tu Longoni, intervista a Nuccia Longoni

  • La magia delle vecchie botteghe, intervista a Giuliana Bonvicini Cimurri

  • La donna in bicicletta intervista a Mariella Burani

  • L'azienda è la mia seconda casa, intervista a Laura Lusuardi

  • L'importante è lavorare, intervista a Rosanna Daolio

  • Le mie maglie sulla quinta Avenue, intervista a Margherita Ovi

  • Voglio vincere una scommessa, intervista a Emanuela Guidetti

  • Donne che siedono a tavola con gli uomini, intervista a Ludovica Maramotti

Considerazioni conclusive

 

 

 

 

 

Alcune  immagini dal libro

 

   
 

 

Le prime attività

 

 

Ines Costi con Iva Zanicchi, che indossa l'abito da sposa confezionato dalla sarta reggiana
 

 

Un laboratorio di finissaggi di Maria Rosa Badari

 

 

Deanna Ferretti insieme al pittore Salvatore Fiume davanti a un suo ritratto

 

Nuccia Longoni (a destra) e una testimonial indossano lo stesso modello Maska

 

La "donna in bicicletta" di Mariella Burani fotografata da Peter Lindbergh

 

Un modello Indigo di Margherita Ovi

 

Ludovica Maramotti bambina insieme alla nonna, in una classe della scuola di Giulia Maramotti